MONOLOGO DI UN CANE RANDAGIO di Pizzo

stai parlando col più disperato degli scoppiati e manco te ne accorgi.

Io vivo al giorno d’oggi come posso , co quello che mi capita.

Qui, nella capitale italiana narro le mie storie che nessuno vuol sentire .

Tutti mi vedono come troppo fuori , troppo oltre , troppo in tutto .

Non so de bell’aspetto e se non mi lavo puzzo, nun c’ho voglia de famme la doccia insieme ad altri cazzoni negli spogliatoi delle palestre, me stanno tutti sul cazzo a pelle.

Ora a te risulta facile sentirti migliore di me , più matto oserei dire .

Me so dato alla neomelodica oltre che al rap ed in più faccio le mie cose che piacciono solo a me ma non importa mi va bene cosi , tu fai tatuaggi , tu fai i soldi e c’hai un sacco de gente che te vie appresso insieme ad un sacco di ragazze disposte al sesso non a pagamento.

Io vado avanti per la mia strada

so un ribelle senza causa

disposto a fare i lavori più umili

per poter permettermi l’affitto a fine mese

per far cose utili

che rendano felice la mia mujera

siamo noi o no disposti a tutto ?

oserei dire che oso tutto ciò che è degno di un uomo

citando qualcuno più bravo di me

sentito in un film del quale non ricordo il nome

oso più di tutti

perchè c’ho tatuato

sotto pelle

ricordati di osare sempre

ma in piu oserei dire

che io oso col sorriso

gli smile si sprecano per le mie opere

al mio passaggio

e questo non è che un assaggio

scritto più che da un ghostdog

da un cane randagio

che beve vino o si immagina di berlo

ad ogni nasone , ad ogni fontanella

come disse na volta un merlo:

la vita è bella

e va degustata

ringraziando il cielo

per averci donato oltre che il giorno

anche na splendida nuttata

che va chiamata pe nome

ognuno è libero di darle un nome

io la chiamo nannarella

perchè mi canta la ninna nanna

anche quando so da appende su na stampella

io che volevo far i soldi co na bancarella

e c’ho er passato peggio de uno

chiuso in cella da anni

il giorno lo chiamo gianni

e domani si ricomincia

hasta la victoria siempre

senza rinuncia a niente

ciò mi preme dirlo

come na stella tra le stelle

io tra la muffa brillo

perchè bevo sempre

ma non più troppo

io tra la muffa brillo

e mo spengo la stufa e me corico

co sto monologo scritto di getto

pulisciti er culo ar gabinetto.

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

MEGLIO DELL’ASSENZIO di Pizzo

stavo per andarmene come Zidane espulso dalla finale di coppa del mondo pe na capocciata da fuoriclasse fuori di testa ma tu mi hai riacchiappato hai dato alla mia vita un senso penso che se non ci fo

I WILL ROCCO di Pizzo

scotta scotta na cifra scotta na cifra scotta scotta scotta na cifra scotta na cifra scotta scotta scotta na cifra scotta na cifra scotta scotta scotta na cifra scotta na cifra scotta io rocko sopra o

SO VOLARE di Pizzo

morirò molto probabilmente in un manicomio pubblico e non potrete farci niente se non amarmi perche ho dato speranza a sto perdente non potrete farci niente se non amarmi perche ho dato speranza a sto

©2020 di CantautoreMaledetto. Creato con Wix.com

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now