ER TEMPO DER SUSHI di Pizzo

“Amore , finalmente eccoti! Come è andata al lavoro ? Hai mangiato? Dio sono cosi felice di vederti” Lei è la mia compagna di vita che onestamente non so come chiamare in questo stare in incognito dentro un testo. La chiameremo “Cannola Amorosa”. “Cannolina mia , andiamo? Dai sai che volevo dire ti amo . Ma ti ricordi la prima volta che ce lo siamo detti ? Stavamo andando dal giappocinese per mangiare il sushi, tu hai detto andiamo ed io capii ti amo e ti dissi ti amo a mia volta” Questo sono io , Santiago , lo scrittore più menefreghista del successo che possiate mai trovare col cacozzo in un ristorante nipponico . Io e Cannola Amorosa andiamo spesso , praticamente sempre a mangiare pesce crudo con riso e salsa di soia, ed il più delle volte io sono costretto , dopo aver pagato il conto , a correre al cesso di casa di Cannola Amorosa. Per questo motivo il più delle volte preferiamo andare al ristorante che ha Cannola Amorosa

sotto casa , in quel di Tiburtino Terzo Secondo A Nessuno. Come ci siamo conosciuti io e Cannola Amorosa ? Non è dato sapersi , sappiate però che le nostre anime è come se si cercavano da una vita . Tutto il mio essere non voleva altro dalla vita che una persona in cui credere e di cui ci si può fidare. Cannola Amorosa arrivò nella mia vita in un momento particolare, avevo perso il mio migliore amico morto suicida , mi mancava da morire il mio amico anche se non lo davo a vedere , una volta scritte le poesie in suo onore decisi di smettere di scrivere, il mondo non riuscivo a vederlo che come merda che merdosi dai poteri forti ci ficcavano in bocca , costringendoci a mangiarla. Io avevo completamente perso le speranze in una vita felice , figuriamoci se pensavo di poter pensare di vivere una vita in Amore. Mi approcciavo con le ragazze solo per farci del sesso , fallivo e basta , non ero buono neanche in quello che per gli altri risultava semplice ed elementare.

Arrivò Cannola Amorosa a salvarmi , mi pescò come si pescano delle carte in un mazzo di tarocchi e mi tirò fuori dall’inferno. “Cannolina tu mi fai felice” “dici davvero?” “con te ho ripreso anche a scrivere che per me equivale a vivere” “spero tu sia sincero” “senza di te non saprei più che fare , te sei la mia ragione di vita” “non è che questa è una delle tue solite sviolinate? Ti devi far perdonar qualcosa?” “es verdad ciò che dico” Mi ricordo ancora la prima volta che mi fece salire su casa, la accompagnai alla sua abitazione ma mi sentivo stanco e le dissi che avevo bisogno di una Red bull , lei mi invitò a salire su casa per un caffè ed io mi ritrovai a fare i conti con tutta la sua famiglia composta da due nonni , un fratello , un padre, una madre ed un cagnolino. Mi misi a sedere al tavolo della cucina con il padre . Chiesi se potevo fumare il mio toscanello alla vaniglia dentro casa, mi venne concesso.

Il padre è un ex ultras della Roma , fa il muratore e fa parte della classe proletaria. Vedevo che mi scrutava , per me era una sensazione completamente nuova , era la prima volta che una ragazza mi presentava alla famiglia. A quanto pare se ancora sto qua , Cannolina mia, vuol dire che superai l’esame paterno quella volta. Nelle prime uscite portavo Cannola Amorosa per musei , per far bella figura , passavamo mattinate bellissime , ci baciavamo a rotta di collo, e non ci bastava mai , un bacio tirava l’altro, la vida es sueno solo io potevo affermarlo sulla faccia della terra. Cannolina eravamo proprio dei romanticoni. A na certa arrivò il momento in cui mi vennero presentati gli amichetti di Cannola Amorosa, e qui abbiamo : Bombola ( una bionda panciuta con evidenti disturbi e poco intelligente) ,e Dandilo ( un giovane colto dall’umorismo spiccato). Dandilo prendeva sempre per il culo Bombola che stava sempre alla ricerca di cazzi. Bombola si credeva fica ma nessuno se la pigliava.

Ebbe un’esperienza con un certo Panzerotto che la costringeva a lavorare gratis o al massimo in cambio le dava dei panini. Bombola chiamava la madre di Panzerotto suocera dopo nemmeno due giorni , Bombola aveva dei disturbi è inutile negarlo. La mia Cannolina capì presto che Bombola era invidiosa del nostro amore e se ne distaccò. Mentre con Dandilo proseguì un’amicizia millenaria, spesso andavamo io , Cannola Amorosa e Dandilo a mangiare il sushi e poi a giocare a Monopoli a casa. Nella quiete e nella serenità , la dove regnava cuori scrissi miliardi di poesie ed organizzai reading a teatro per farmi ascoltare , se furono di successo o meno non è dato sapersi. Io e Cannola Amorosa stiamo insieme da quasi 2 anni , tutto quello che non vi ho raccontato sono fatti nostri.

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

MEGLIO DELL’ASSENZIO di Pizzo

stavo per andarmene come Zidane espulso dalla finale di coppa del mondo pe na capocciata da fuoriclasse fuori di testa ma tu mi hai riacchiappato hai dato alla mia vita un senso penso che se non ci fo

I WILL ROCCO di Pizzo

scotta scotta na cifra scotta na cifra scotta scotta scotta na cifra scotta na cifra scotta scotta scotta na cifra scotta na cifra scotta scotta scotta na cifra scotta na cifra scotta io rocko sopra o

SO VOLARE di Pizzo

morirò molto probabilmente in un manicomio pubblico e non potrete farci niente se non amarmi perche ho dato speranza a sto perdente non potrete farci niente se non amarmi perche ho dato speranza a sto

©2020 di CantautoreMaledetto. Creato con Wix.com

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now